Les Dentelles de Cogne, un intreccio lungo una storia

Siete mai rimasti incantati ad osservare i meravigliosi intrecci del pizzo di Cogne, una magia che si ripete da quattro secoli e si tramanda di generazione in generazione, con lo scopo di portare avanti la tradizione de “Les Dentelles de Cogne”? Pizzo bianco in cui i fili formano una trama che regala splendide geometrie, in infinite combinazioni.

Facciamo un viaggio in questo intreccio lungo una tradizione.

Cogne e la tradizione de “Les Dentelles” che si tramanda da quattro secoli

La Perla delle Alpi Cogne è un luogo ideale dove vivere la montagna e gustare prodotti e piatti deliziosi. Ma non solo: Cogne racchiude infatti nella sua storia innumerevoli tradizioni che si ripetono nel tempo.

Prati di Sant`Orso a Cogne
Cogne, Perla delle Alpi

Tra le particolarità della Perla Alpina Cogne, vi sono i suoi candidi pizzi, unici nel loro genere e così difficili da realizzare che rendono ancora più misteriosa la loro manifattura. Il pizzo di Cogne ha delle caratteristiche che lo rendono riconoscibile tra altri merletti grazie ai suoi particolari bordi merlati ed al modo di intrecciare i fili in una trama infinita. Le sue origini sono antichissime ed ancora oggi il suo intreccio viene tramandato da madre in figlia come a voler custodire un piccolo segreto lungo una storia.

(c) cogneturismo.it_ Il pizzo nasce dall’intreccio dei fili arrotolati sui fuselli

Il pizzo di Cogne è unico e riconoscibile tra gli altri

Per poter realizzare il pizzo di Cogne, sono necessari il filo, il tombolo ed i fuselli, che variano di numero in base alla difficoltà, alla grandezza della fascia ed alla complessità del disegno.

Il tombolo è un supporto di legno, un piccolo mobiletto che sorregge un cuscino sul quale piano piano il pizzo prenderà vita. Il tombolo viene intagliato e reso particolare con rosoni e disegni scolpiti nel legno. Inoltre viene impreziosito dalle iniziali della proprietaria per renderlo unico. Ogni cuscino sorretto dal tombolo, sarà il luogo sul quale poggerà il pizzo. Il cuscino del tombolo ha una forma cilindrica ed è rivestito da una stoffa a quadri per facilitare il lavoro delle sapienti mani de Les Dentellières de Cogne. Sul cuscino vi sono degli spilli colorati, utili a fissare il capolavoro che vi nascerà.

(c) cogneturismo.it_ I fuselli, il cuscino , il tamburo ed il tombolo regalano il capolavoro racchiuso nelle Dentelles de Cogne

Ma senza fuselli il pizzo di Cogne non si potrebbe realizzare. I fuselli hanno una tipica impugnatura sferica e vengono destreggiati in infiniti intrecci, lasciando incantati chi li osserva al lavoro. Chi si avvicina ad osservare una donna al tombolo viene richiamato da un piacevole suono che accompagna ogni intreccio. I fuselli saltellano tra le mani a scandire il tempo che scorre, come scorre il pizzo sul suo cuscino.

(c) cogneturismo.it_ La magia dei fuselli che tintinnano ad ogni intreccio

Pazienza e precisione sono alla base dell’intreccio del pizzo di Cogne

A rendere prezioso questo capolavoro di mani sapienti non è solo la manodopera, che richiede pazienza e precisione, ma il modo in cui viene tramandato il suo intreccio. Non vi sono disegni, non vi sono schemi, il pizzo di Cogne si tramanda in modo mnemonico. Saranno così le nonne che insegneranno gli intrecci alle loro nipotine che a loro volta sapranno tramandare la tradizione alle generazioni future.

(c) cogneturismo.it_ Il pizzo di Cogne non ha schemi, si tramanda mnemonicamente

Un intreccio unico che si tramanda mnemonicamente di generazione in generazione

Les Dentelles de Cogne sono talmente preziose per la comunità di questa piccola Perla Alpina che l’intreccio unico al mondo viene insegnato anche a scuola. E’ così che dalla prima elementare chi vuole può imparare a far volteggiare i fuselli. Si inizia con pochissimi fuselli per realizzare un piccolo merletto per poi, con l’esperienza, aumentarne il numero incrementando la difficoltà e la grandezza del pizzo. Una volta realizzati alcuni metri che vengono delicatamente raccolti in cima al cuscino, il pizzo è pronto per mostrare la sua bellezza andando ad adornare tovaglie, lampade, tende e tutto ciò che possa essere impreziosito da questa meraviglia costruita intreccio dopo intreccio.

Chi sa intrecciare i fuselli secondo la tradizione cogneintze, sa quanto sia impegnativo realizzare anche soli pochi centimetri di questo capolavoro.

(c) cogneturismo.it_ La Mèison di pitz è il luogo dove poter scoprire il pizzo di Cogne ed i suoi intrecci unici

La Mèison di pitz custodisce i segreti di questo capolavoro

Ad oggi a custodire questa tradizione c’è la cooperativa “Les Dentellières de Cogne” e tutte le donne di Cogne che hanno imparato ad intrecciare i fuselli. Come per ogni capolavoro, vi è un luogo che custodisce questa bellezza che Cogne vanta con grande orgoglio, ovvero la Mèison di pitz. Qui il tempo sembra scorrere lento scandito dal suono dei fuselli che tintinnano. Ogni delicato intreccio è uno scrigno che custodisce la storia di Cogne.

Contatti

Cooperativa Les Dentellières
Rue Docteur Grappein, 50
11012 COGNE (AO)

 

Pubblicato da Valentina

Valentina

Valentina, ricercatrice universitaria. Girando per il mondo ha sempre portato nel cuore la Perla dove è nata: Cogne, facendone conoscere le sue bellezze. Ama la montagna e tutte le piacevoli sensazioni che sa regalare a chi la vive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *