Les Diablerets - Guichet du Terroir 4

Riqualificazione “green” a Les Diablerets: nasce Guichet du Terroir

Guichet du Terroir è un bellissimo progetto di riqualificazione, in tipico stile Alpine Pearls. Siamo nella Svizzera Francese, a Les Diablerets, Perla delle Alpi dal 2014. Qui, nel Cantone di Vaud, Catherine Sthioul-Cossy e Françoise Dutoit hanno deciso di rispondere con intelligenza e spirito “green” a un ammodernamento della stazione ferroviaria. Come? Scopriamo insieme come è nata l’idea di Guichet du Terroir e in cosa consiste.

Les Diablerets

Guichet du Terroir

La TPC è la compagnia di treni che gestisce la tratta ASD. Questa linea collega Eagle, Sépey e Les Diablerets: uno snodo importante per la mobilità dolce promossa da Les Diablerets. La storia del Guichet du Terroir nasce quando la compagnia decide di chiudere una parte della stazione ferroviaria e di sostituire il capostazione con soluzioni di automatizzazione per la vendita di biglietti. «Françoise era allora Consigliere Comunale della mobilità e sostenibilità», ci racconta Catherine. «Quando ha scoperto che si poteva ristrutturare la stazione di Guichet du Terroir in spirito “Perla delle Alpi” mi ha contattato, e mi sono detta entusiasta», continua. «Certo il progetto non sarebbe potuto nascere senza l’aiuto della TPC e del Comune che hanno fornito un grande supporto alla realizzazione», conclude.

Les Diablerets - Guichet du Terroir 3

Esposizione di prodotti tipici

Guichet du Terroir si struttura in tre parti principali. La stazione ha una biglietteria automatica che funge anche da sala d’aspetto e deposito. Qui è possibile anche avere informazioni turistiche. Poi c’è una sala di esposizione dei prodotti tipici di Les Diablerets e dell’artigianato locale. «È una vetrina che riunisce tutto il know-how locale e regionale», continua a raccontarci Catherine. «Ci sono molte specialità fatte dai nostri fornitori. Formaggio, yogurt a base di latte di pecora, pâté, salsicce secche. Ma anche Tè alle erbe, marmellate, miele, sciroppi, birre locali, olii essenziali…abbiamo più di 50 articoli», conclude. Per quanto riguarda l’artigianato locale, invece, ogni settimana c’è un ricambio di esposizione dei prodotti. A Guichet du Terroir si possono ammirare sculture il legno, ricami, ceramica, articoli di pelletteria e perfino cartoline artigianali.

Les Diablerets - Guichet du Terroir flyer

 

Il Bistrot/Take-Away

Infine Guichet du Terroir ha a disposizione un piccolo Bistrot che funge anche da take-away. I turisti che si trovano a spostarsi via treno possono così gustare snack, zuppe e insalate. Ma anche panini e torte fatte in casa, sia da portare in viaggio che da gustare sul posto. Lo spazio messo a disposizione per i “pasti da viaggio” è accogliente e caldo come tutto il Guichet du Terroir. Parola d’ordine: convivialità. «Tutti i nostri prodotti sono garantiti a Km zero e acquistati in uno spirito di sostenibilità» ci racconta Catherine, che continua. «Sosteniamo anche alcuni prodotti del commercio equo i cui produttori offrono di donare tutti o parte dei profitti a opere o movimenti di solidarietà. Non prendiamo alcun margine sul vendite».

Les Diablerets - Guichet du Terroir sala da the

Una vetrina per la comunità

Tutti i prodotti tipici, le opere di artigianato e quello che viene esposto nel Guichet du Terroir proviene dai produttori e dagli artigiani locali. La “Maison du Terroir” diventa così un amplificatore di visibilità per i produttori, aiuta il commercio e sviluppa la notorietà delle produzioni della regione. Ci racconta ancora Catherine: «Siamo molto rigorosi sulla qualità del prodotto, sulla sua originalità e di non essere in concorrenza con le imprese locali. Siamo felici, invece, di rappresentarli e di aver creato un carosello che reindirizza le diverse richieste». Attualmente il progetto di riqualificazione ha creato già due posti di lavoro part-time, ma è bene guardare al futuro con fiducia. In chiusura, ci confida ancora Catherine: «non riusciamo a vivere solo di questo. Sia io che Françoise gestiamo anche un’altra attività, ma speriamo a medio termine di poter investire pienamente in questo bellissimo posto che siamo orgogliosi e felici di aver realizzato».

Guichet du Terroir - Les Diablerets, libreria

 

 

 

Pubblicato da Gian Paolo

Gian Paolo

GianPaolo è giornalista pubblicista e specialista di comunicazione digitale. Ama viaggiare, fare lunghe passeggiate in montagna e suonare. Quando non è chiuso in sala prove o in redazione, adora passare il tempo libero con sua moglie e la sua cagnolina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *