Ecobnb: il futuro delle vacanze è “green”

Le vacanze invernali sono il momento migliore per scoprire paesaggi montani innevati, sciare su piste candide e perdersi nelle meraviglie naturalistiche delle Perle Alpine. Non sempre, però, le strutture in cui alloggiamo sono rispettose della natura e del paesaggio. Ecobnb è un portale on line di alloggi eco sostenibili per vacanze “green”. Ne abbiamo intervistato il fondatore, Simone Riccardi, per capirne di più e farci dare qualche suggerimento per vacanze invernali eco friendly, in linea con i concetti di sostenibilità e mobilità dolce propri anche di Alpine Pearls. Proprio per questo, nel 2017 è partita una collaborazione tra i due progetti per arrivare meglio a uno scopo condiviso: sostenere e offrire soluzioni di viaggio e di vacanza rispettosi della natura. Seguiamo insieme la storia di Ecobnb.

 

La nascita di Ecobnb

Come nasce l’idea di Ecobnb?

Simone Riccardi – Ecobnb nasce dall’incontro di due delle mie passioni: l’ecologia, quindi il rispetto per la natura, e l’informatica. Mi sono ritrovato, a un certo punto della mia vita, con una Laurea in architettura che mi stava un po’ stretta, perché volevo appunto programmare. Allora mi sono messo a sviluppare siti web. Uno di questi era per l’associazione B&B di Parma, e questo è stato il primo passo verso la costruzione di quello che sarebbe diventato Ecobnb.

E c’è un momento particolare in cui hai deciso di unire le due cose?

S.R. – Il vero innesco che mi ha portato all’idea è stato un invito a Potenza per una conferenza. Lì mi sono ritrovato a dover prenotare una stanza, ma le proposte non mi piacevano assolutamente. Visto che io ho sempre seguito lo spirito dell’economia solidale, non volevo finanziare quei signori che avevano questi albergoni in cemento armato nel centro di una città medievale bella e delicata come Potenza. Ho cercato una struttura ricettiva per gente che la pensa come me, ossia che cerca ospitalità rispettosa dei contesti in cui si trova. Mi sono accorto che mancava questo tipo di offerta. Allora ho pensato a Ecobnb.

Simone Riccardi e Silvia Ombellini – Ecobnb

Come entrare nella rete di Ecobnb

Tutti possono connettersi alla rete di Ecobnb, ma ci sono dei parametri per entrare nel circuito e diventare “ospiti”?

S.R. – Certamente, fin dall’inizio abbiamo cercato dei parametri oggettivi di eco sostenibilità. Abbiamo pensato di utilizzare le certificazioni che sono già in essere, le abbiamo messe insieme e tirato fuori le caratteristiche più frequenti e riscontrabili in tutte le certificazioni. Ne è uscito una sorta di decalogo: elettricità da fonti rinnovabili al 100%; offerta di cibo biologico a km 0; accessibilità senza automobile; utilizzo di prodotti per la pulizia ecologici; lampadine a basso consumo; attenzione alla Bioarchitettura, intesa come efficienza energetica dell’edificio; riduzione di flusso per l’acqua; recupero e riuso dell’acqua; raccolta differenziata per oltre l’80% e utilizzo di pannelli solari per l’acqua calda. Oggi abbiamo circa una ventina di strutture in Italia che soddisfano tutti e dieci i punti, e sono un po’ in nostri “super eroi” dell’accoglienza green. Per far parte del circuito Ecobnb bisogna soddisfarne almeno 5.

 

Pieneta Hotel – Ecobnb

Consigli per le vacanze invernali

 

Quali sono le mete che vengono maggiormente cliccate nel periodo delle vacanze invernali?

S.R. – Il portale riscontra il comportamento nazionale, quindi certifica l’importanza delle destinazioni italiane. Abbiamo, per l’inverno, il Trentino Alto Adige, la Lombardia, Val d’Aosta e Piemonte.

Puoi darci qualche suggerimento per le prossime vacanze sulla neve?

S.R. – Le proposte sono tante, e variano tantissimo, e onestamente approfitterei di tutte le offerte che ci sono. Per me in realtà “essere in vacanza” significa semplicemente essere in un luogo piacevole dove riuscire ad apprezzare il silenzio, le cose semplici e gli amici. Uno dei luoghi migliori dove farlo è a Chamois, Perla Alpina in Val d’Aosta raggiungibile solo con in cabinovia, con un’offerta magnifica che unisce relax e natura. Oppure un altro suggerimento potrebbe essere Mallnitz, nel cuore del parco naturale Alti Tauri in Austria. Anche Mallnitz è una Perla Alpina che promuove la mobilità sostenibile. Per questo è facile arrivarci a bordo di un treno che ferma direttamente alla stazione ICE di Mallnitz – Obervellach. Il soggiorno comprende anche un’escursione con le ciaspole!

 

La Sinergia con Alpine Pearls

 

Tra Ecobnb e Alpine Pearls c’è una sinergia di intenti che si è realizzata in una collaborazione. Come nasce?

S.R. – Il primo incontro con Alpine Pearls è avvenuto in Alto Adige, 4 anni fa, e fummo invitati per seguire un evento come blogger. All’epoca avevamo un blog, Viaggi Verdi. Quando ho conosciuto questa realtà mi sono reso conto che Alpine Pearls fa quello che anche noi cerchiamo di fare. In poche parole abbiamo gli stessi obiettivi! Mentre ascoltavo quello che veniva detto durante l’evento mi sono reso conto che Ecobnb poteva essere la soluzione ai problemi di tracciabilità delle transazioni e un valido sostegno al progetto. Così mi sono fatto avanti con una proposta di collaborazione ed è nata questa partnership tra due realtà secondo me estremamente complementari.

Simone Riccardi Silvia Ombellini – Ecobnb

Ecobnb: il futuro è “green”

 

Ecobnb da oggi al 2020: dove vi immaginate di essere per quella data?

S.R. – Io vorrei mantenere una vita serena e semplice, senza arrivare a tenere un’azienda come si fa nella Silicon Valley. Quel modello finanziario e speculativo non fa per me. Io nel 2020 mi vedo a gestire un’azienda che sia il più orizzontale possibile, con una leadership che non tradisca mai la mission iniziale dell’azienda e soprattutto su scala europea. Il futuro è per forza “green”. Abbiamo meno margine per fare scelte inconsapevoli. Per questo, il futuro sarà sempre più sostenibile.

Ecobnb – Simone e Silvia alla premiazione di UNWTO Madrid, 2017

 

Pubblicato da Gian Paolo

Gian Paolo

GianPaolo è giornalista pubblicista e specialista di comunicazione digitale. Ama viaggiare, fare lunghe passeggiate in montagna e suonare. Quando non è chiuso in sala prove o in redazione, adora passare il tempo libero con sua moglie e la sua cagnolina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *